Discografia


1998

The best airplay

Testi: Audio 2
Musiche: Audio 2
Genere: Pop d'autore
Contiene i brani:
Tu vieni prima di tutto
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Alle venti
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
E' tutto più grande
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Si che non sei tu
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Specchi riflessi
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Rotola la vita
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Alza le mani
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Io ho te
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Gina
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Dentro a ogni cosa
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Per una virgola
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Adriatico
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Neve
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
C'era e non c'è
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
L'insonnia
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2
Non c'è più audio
Autori: Audio 2
Compositori: Audio 2

Tu vieni prima di tutto

Di cose logiche io non ne faccio più
perchè con te è meglio non usare metriche 
tutto è probabile o prevedibile 
se sono i sentimenti a vincere sulle parole 
c'è questo vento caldo e schizzi d'acqua blu
un tiepido momento per capire 
noi due gelati al sole essendo acqua andiamo giù
alimentando questa sabbia che non è sazia mai
tu vieni prima di tutto tu vieni prima del mondo 
tu sei la sola che mi trattiene già
in un respiro profondo 
tu vieni prima di tutto tu esci fuori dal mucchio 
tu sei la nota felice e suonerai 
ti ascolto anche ad orecchio 
tu sei la vita che c'è l'estate azzurra sei 
la spiaggia aperta che si chiude a vista solo su te 
tu dimmi perchè 
tu dimmi perchè 
reazioni cosmiche sono previste ormai 
la giusta conseguenza all'atmosfera che è fra noi 
di stelle in orbita ne vedo tante e tu? 
e sulla scia di una cometa rimaniamo su 
c'è questo vento caldo e schizzi d'acqua blu 
un tiepido momento per capire 
noi due gelati al sole essendo acqua andiamo già
alimentando questa sabbia che non è sazia mai 
tu vieni prima di tutto tu vieni prima del mondo 
tu sei la sola che mi trattiene già 
in un respiro profondo 
tu vieni prima di tutto tu esci fuori dal mucchio 
tu sei la nota felice e suonerai 
ti ascolto anche ad orecchio 
tu sei la vita che c'è l'estate azzurra sei 
la spiaggia aperta che si chiude a vista solo su te 
tu dimmi perchè 
tu dimmi perchè 
tu vieni prima di tutto...
Chiudi

Alle venti

La stazione l'orologio il treno il pendolino
fretta per gli spostamenti a monte
c'è sempre un inizio in ogni cosa che si fa
c'è chi insegna quel che devi fare
gli occhi sbarrati sul tempo futuro
poche le ombre riflesse sul muro
tutto già lì a portata di mano
e una musica vola
E' come un giro di lancette che si sa
sovrapposte insieme ad ogni ora
ma libere libere che
sono le venti
sono le venti
sono le venti e dieci sì
noi siamo quelli che vedono ancora imperterriti il telegiornale
siamo contenti di rivedere i vecchi films
in bianco e nero tu puoi immaginare
a noi sembra normale che anche l'ago stia fermo lì
a portata di mano

tutto è un'incognita
tremenda tutto è
sempre da provare e da scoprire
il rovescio la medaglia l'ago che ti punge
si potrebbe anche essere insensibili
nella valigia c'è sempre il profumo
serve a celare l'odore che si ha
ma all'occorrenza ti inventi qualcosa
che non sia solo un'età
è come un giro di lancette che si sa
sovrapposte insieme ad ogni ora
ma libere libere che
sono le venti
sono le venti
sono le venti e dieci si
noi siamo quelli che vedono ancora imperterriti il telegiornale
siamo contenti di rivedere i vecchi films
in bianco e nero tu puoi immaginare
a noi sembra normale che anche l'ago stia fermo li
a portata di mano
sono le venti
sono le venti e dieci si
sono le venti
sono le venti e dieci si...
Chiudi

E' tutto più grande

So amica mia 
che di gratitudine ne ho molta 
no per cortesia 
con la tua abitudine nascosta 
è solo un anno un po' diverso 
ma dov'è 
la tua voglia di scoprire
tutto dal tuo libro
senza dire niente mai a nessuno 
....e il lavoro nuovo che piaceva tanto a te? 
sai io sono ancora innamorato di te 
perchè mi sono perso e non so dirti perchè 
indiscutibilmente innamorato di te 
chiuso in cassetto come un fazzoletto 
si tutto mi va stretto 
è tutto un po' cresciuto 
il mio timido amore non è più è sconosciuto 
è tutto più grande 
mentre piccola tu sei 
vai a casa tua 
io scommetto tutto che ci pensi
e già la tua città l'ho graffiata tutta per trovarti 
dietro gli angoli ricordo c'era l'allegria 
fino a quando noi 
persi e tristi andammo già 
annegati in mari di bugie 
ed io pensai: ma che mi importa più. 
sai io sono ancora innamorato di te 
perchè mi sono perso e non so dirti perchè 
indiscutibilmente innamorato di te 
chiuso in cassetto come un fazzoletto 
si tutto mi va stretto 
è tutto un po' cresciuto 
il mio timido amore non è più sconosciuto 
e tutto più grande 
mentre piccola tu sei 
è un mare profondo 
ma il tuo mondo non ce l'ho 
e presto a piedi correrà per te

 
Chiudi

Si che non sei tu

Non arrabbiarti proprio quando sto con lui
cosa fai capire e che cosa non dovrei
il doppio gioco per fortuna l'hai avuto tu
adesso vuoi strapparmi quello che non c'è più.
I capillari sono pronti a percepire emozioni
il sangue affluisce e rimborsano canzoni
l'etere è finito e dolore sentirai
i nervi sono tesi e tra poco scoppierai.

Si che non sei tu il pensiero della sera
Si tra noi non c'era no non c'era la verità sincera
la verità fra noi.
T'ho lasciato fuori e c'è di più in quest'aria ossigeno
tu, con le tue mani no non davi che spicciole emozioni
in noi geometrici
che in troppi angoli si era divergenti e tu lo sai.

Le decisioni migliori sono quelle pensate
se le pareti dell'anima erano imbrattate
è perchè nella vernice c'era poco smalto
o perchè lo tradivo e diventavo matta.

Si che non sei tu il pensiero della sera
Si tra noi non c'era no non c'era la verità sincera
la verità fra noi.
T'ho lasciato fuori e c'è di più in quest'aria ossigeno
tu, con le tue mani no non davi che spicciole emozioni
in noi geometrici
che in troppi angoli si era divergenti e tu lo sai.

Si che non sei tu ...
Chiudi

Specchi riflessi

Non puoi ferirmi più
adesso che non sei
più dentro ai sogni miei, non puoi.
Amica mi ritorni
se vuoi, sbarrando i limiti
non senza inibizioni che sciolgo ormai.

Ah, io e te, come siamo andati d'accordo non so più
noi due specchi in contro riflessi, ma lontani
in un gioco di intermittenze e di vuoti strani.
Sospesi in aria allo stesso piano
come due palloni di gas con uno spillo in mezzo
e tenuti in volo da un vento costante e lento
che ad un primo cambio di verso li scappi, così,
da un lato e dall'altro.

Io non vorrei che tu
gettassi ancora idee
con fiumi di parole, per noi.
Io non direi che sia
difficile così, com'è
ma lo sarebbe certo, se fosse qui.

Ah, io e te, ma che tempo abbiamo lasciato non sono più
noi, due oasi in un deserto di allergie
con di tanto in tanto miraggi di poesie.
Presi dal vento allo stesso modo
con la sabbia che dalle dune ci viene incontro
ed all'acqua limpida e chiara rapisce il posto;
noi, un gusto perso nel tempo, un odore che poi
con l'aria se ne va.
Chiudi

Rotola la vita

Se da un punto indefinito ci sarà
questa luce che irradierà si spera
tutte le menti forti della sfera
sarebbe un colpo ritrovare voci piu normali
tu con la penna scrivi sempre in rosso
sorseggi piano piano il tuo caffè
potresti raddrizzare questa nave
si, con un colpo da manuale vireresti a prua

Apri le tue mani rotola la vita
fai conto che tutto adesso marcerà a rovescio
salgo cento piani ed arrivo fino al K2
e vi vedo giu come le piccole formiche
e ancora più in alto più su
col dito puntato laggiù, si quasi infallibile
quasi infallibile

E tu che ti ritrovi fra le mani
le diecimila per mangiare un giorno
guardi dal buco di una serratura
e questo il mondo che tu vedi

La vita qui e più dura
a noi basta che domani sia con lei
e un'ora di lavoro straordinario
magari passi a fare la schedina
e speri che stavolta sia per te la volta buona

Apri le tue mani rotola la vita
fai conto che tutto adesso marcerà a rovescio
salgo cento piani ed arrivo fino al K2
e vi vedo già come le piccole formiche
e ancora più in alto più su
col dito puntato laggiù
quasi infallibile
quasi infallibile
quasi infallibile
quasi infallibile

Apri le tue mani rotola la vita
fai conto che tutto adesso marcerà a rovescio
apri le tue mani...
Chiudi

Alza le mani

Tante cose non si dicono chi nasconde quel che non conviene? 
ci fanno male 
con un litro di benzina si può volare da milano a roma 
e non si dice 
con i soldi
si risolvono i problemi si 
e tu stai svendendo la tua faccia così 
e la sposa non si sposa se la rosa nell'acqua non è rossa 
e fa peccato 
l'erba il fiume più
il cemento le scorie meno acqua giù dal cielo 
inquinamento 
il lavoro a volte paga a volte no 
meno ore ed un lavoro per tutti si 
alza le mani sono fanali 
che fanno luce sulle cose che vuoi 
alza le mani son tutte uguali 
ma tutte insieme fanno tanto rumore 
alza le mani senza gridare 
un gesto solo fa capire che vuoi 
alza le mani fino a domani / e capiranno cosa devono fare 
e la stampa i giornalisti son tristi se non scrivono le verità 
tutto è libertà 
tutti i capi di governo una volta al giorno dicono le falsità
è la politica 
come vedi siamo tutti figli della vita 
sono i soldi e gli ideali a farci vivere 
alza le mani sono fanali 
che fanno luce sulle cose che vuoi 
alza le mani son tutte uguali 
ma tutte insieme fanno tanto rumore 
alza le mani senza gridare 
un gesto solo fa capire che vuoi 
alza le mani fino a domani 
e capiranno cosa devono fare
Chiudi

Io ho te

lo ho te
tu ma che cos'hai
in un momento non sei più tu
ma come mai sei ancora qui

Ma che cos'hai
ma cosa non ho
sono le stesse parole che io ancor non ti ho detto
comunque vada comunque sia
io non ti perdo
sei qui con me noi
Ma io ho te
è solo un timido pretesto
ma io ho te
insieme noi e quando vuoi
sai far morire la mia mente
è un vuoto e vago senso che
ma io ho ancora te e non vorrei... vorrei...
é un dolce suono
che io ho di te
tu che te ne vai
noi equidistanti da un punto blu
che luce è solo per noi
Ma che cos'hai
ma cosa non ho non ho
le mie eteree illusioni
che volano in fretta
comunque vada comunque sia
io non ti perdo
sei qui con me io con te

Ma io ho te
è solo un timido pretesto
ma io ho te
insieme noi e quando vuoi
sai far morire la mia mente
è un vuoto e vago senso che
ma io ho ancora te e non vorrei... ma se vuoi...
Chiudi

Gina

Si potrebbe facilmente ricordare da soli senza un vuoto di testa e così
e senza chiedersi mai che movimento farai 
se dico credimi basterà
Nel bel mezzo il pavimento è colorato con una mattonella con fiore scolpito 
la doccia e shampoo farà con bagnoschiuma vedrai 
e cento bolle mi insaponeranno 
Non più tu ( non più noi )
la piantina con terra e vasetto non è 
ma una carta rossa autostradale 
con le entrate i motel i caselli e i viacard 
ed all'uscita tu non farmi aspettare 
Perchè Gina ha ancor bisogno di me 
non è tipa da fermarsi per strada 
perchè Gina arriva dove sa lei 
dove il tempo sarà un'estate per noi 
Perchè Gina ha ancor bisogno di me 
lei con la destrezza pronta a darmi una mano 
con il caldo che fa cento gradi si ha 
tu non hai vicoli per scappare 
Il piacere è come se come se si avesse un motorino con cento cavalli 
e paglia e fieno c'è conditi al kerosene 
per aumentare la velocità 
Non più tu ( non più noi ) 
il mio cuore esaurito impazzito non è
ma è un trasmettitore monocanale 
una frequenza su me l'altra ormai più non c'è
tu decodificami il nostro amore 
Perchè Gina ha ancor bisogno di me 
non è tipa da fermarsi per strada 
perchè Gina arriva dove sa lei 
dove il tempo sarà un'estate per noi
Perchè Gina ha ancor bisogno di me 
lei con la destrezza pronta a darmi una mano 
con il caldo che fa cento gradi si ha 
tu non hai vicoli per scappare?
Chiudi

Dentro a ogni cosa

Mi fa piacere di rivedere 
costantemente te 
poche parole dette così
fare I'amore si
d'accordo son difficile
ricordati che facile non sei 
ma che piacere all'improvviso 
accendo piano il tuo sorriso 
ruota il volante è leggero e costante
c'era una casa non ricordi?
Forse un po' a destra lungo il viale 
I'insegna vacante andiamoci a piedi 
graffiandoci le mani con i rami ancora appesi 
Dentro a ogni cosa
meglio entrarci dentro si
e toccar con mano tutto 
è pericoloso solo quando sai che tu
non hai soldi per la spesa
se si è innamorati
non vuol dire amore 
Un filo di lana 
sulle tue labbra 
levarlo con le dita 
prepari le mani 
le passi sul viso 
magnetici i tuoi occhi
la neve poi si poserà
sulle nostre più brillanti idee
Ma che piacere all'improvviso 
tu come un libro appena letto 
all'ultimo rigo mi sono disperso 
spero che io non parli inglese 
e che tu sia un po' più cortese
di te sono intriso come I'acqua al cotone 
comunque sia 
con te proverò si si più di prima
Dentro a ogni cosa 
meglio entrarci dentro si
e toccar con mano tutto 
è pericoloso solo quando sai che tu
non hai soldi per la spesa 
se si è innamorati
non vuol dire amore
si disperderà I'ultima emozione
e la conserverà come una canzone
E tu mi sembri viva 
e tu mi sembri viva 
viva sola in mezzo al mare
lontano dalla riva 
e tu mi sembri viva 
dentro a ogni cosa 
e tu mi sembri viva 
e tu mi sembri viva 
viva sola in mezzo al mare
lontano dalla riva 
dentro a ogni cosa...
Chiudi

Per una virgola

Per una virgola la frase non si regola 
è troppo ironica per te è alquanto cronica 
la strada passa tra fili telegrafici 
e le formiche già che corrono senza gurdarsi mai.
Il tempo ormai è senza limiti
l'aereo che spacca i cieli che tu non vedi
e tu che continui a parlare di frasi fatte solo da buttare
e poi la tua fedeltà giù non mi va.
Per una virgola vuoi rimanere sola 
sei troppo anemica per rianimarti ancora 
purtroppo i nostri fili sono bagnati dai nostri tempi
e sono diventati plastici e poco elettrici.
E' notte ormai nei miei e tuoi pensieri 
la voce è padrona e parla senza paura
so già che non sarà dura se ti comporti con disinvoltura
del resto t'avevo già perso nella calura.
Chiudi

Adriatico

Un volo tirrenico 
ci porterà su
al confine britannico
che vedo laggiù
se sei contenta tu 
se sei contenta tu 
io non ne posso più
me ne ritorno giù
Il mare Adriatico 
mi attira di più
ad inchiostro simpatico
non scriverà più 
diro Ia verità
dirà la verità
non per sincerità 
ma per comodità
II tempo vola fra il mare e I'amore 
a volte io 
mi sento un po' giù
vorrei concludere nel modo migliore
sempre tu 
che richiudi il portone 
volevo dirti che già sono al di sotto 
e le lancette 
mi segnalano il rosso 
t'arrabbi spesso e non concludi Ie frasi 
e segno che 
che i nervi sono tesi
Gli scafi marittimi 
approdano già
nei porti più ritmici
non certo lassù
buttare le ancore 
a serpeggiare il mare 
è più difficile 
che riportarle al sole
Le notti adriatiche 
a volte sono chiare 
condizioni atmosferiche 
ridanno più umore 
col tempo un po' migliore
ragiona anche il motore 
si parte a cento all'ora 
lasciando già I'amore
II tempo vola fra il mare e I'amore 
a volte io 
mi sento un po' giù
vorrei concludere nel modo migliore 
sempre tu 
che richiudi il portone 
volevo dirti che già sono al di sotto
e le lancette 
mi segnano il rosso
t'arrabbi spesso e non concludi le frasi
è segno che 
che i nervi sono tesi
Chiudi

Neve

E pensarci vorrei ancora un più 
noi siamo impauriti da quest'angelo 
a pensarci è così, chissà dov'è 
l'utima parola che riguardava te. 
Ma sei, sei, come la neve sei 
che tocchi e sciolta giù non sai più dov'è 
solo un'immagine che va e sei nella mia mente 
sì, solo nella mia mente, solo nella mia mente 
son vago nella mia mente. 
Chi di noi ne ha già un'idea 
Il vederti e non parlarti mi dà un brivido 
folle mania di chi non sa chi sia 
un amore nuovo che sta nascendo qui 
Ma sei, sei, come la neve sei 
che tocchi e sciolta giù non sai più dov'è
solo un'immagine che va e sei nella mia mente 
sì, solo nella mia mente così, solo nella mia mente 
son vago nella mia mente. 
Ma sei, sei, come la neve sei 
che tocchi e sciolta giù non sai più dov'è 
solo un'immagine che va e sei nella mia mente 
è sì, solo nella mia mente, solo nella mia mente 
è son vago nella mia mente. 
Chiudi

C'era e non c'è


Metereologia applicata del tempo non devi fare 
le condizioni si potrebbero spesso identificare nell'amare 
oh dio oh dio dio per me la religione sei veramente 
c'e un suono d'avventura un suono di conchiglie fa 
e non mi fa paura 
e poi ho una casa in riva al mare dove i letti sono sabbia e 
i tuoi capelli il vento 
se non hai lo stesso cuore mio che fare 
se io non mi accontento? 
c'era e non c'è la donna per morire le labbra per soffiare 
le corse contro il vento 
ma se ti volti non è la mitica stesura mi spieghi come andare a tempo
nel groove che hai di dentro 
e mi saluti la tua zia che è lì, non fa altro che farmi specchietti 
e voglio proprio vedere si voglio vedere si voglio vedere... 
pelle contro una camicia da notte non per sognare 
la verità il falso la mia pigrizia inerente un discorso amaro 
se lei continua a dire di si a dire no ci vorrebbe un matto. 
c'è una musica spaziale cavilli di sospiri e te 
fra curve io ti sento 
e non c'era più la moto da guidare 
sono a piedi nel tempo.
c'era e non c'è la donna per morire le labbra per soffiare 
le corse contro il vento 
ma se ti volti non è la mitica stesura mi spieghi come andare a tempo 
nel groove che hai di dentro 
e mi saluti la tua zia che è lì, non fa altro che farmi specchietti 
e voglio proprio vedere sivoglio vedere si voglio vedere...
Chiudi

L'insonnia

Io cammino di notte inseguendo la striscia 
intermittente, scontinua e bianca mezzeria. 
Altrimenti mi perdo lungo il viale alberato 
dell'attigua casetta della sua pizzeria. 
Io mi sento normale se mi bevo un canale 
con un quiz speciale ad alta pubblicità.
E si che bailando, bailando la notte bailando con te.
E si che bailando, bailando la notte bailando con< te. 
A me piace osservare che succede la notte 
non è più tanto diversa dalle storie di giorno. 
Vedi il tipo che sbava per le storie piccanti 
e con gli occhi sgranati non si può andare avanti.
Una checca che strilla sembra più una gallina 
che non riesce a contare neanche i soldi davanti. 
E si che bailando, bailando la notte bailando con te. 
E si che bailando, bailando la notte bailando con te. 
E' una storia che va di notte va è una storia che vola 
è una storia che va di notte va è una storia che 
al neon bianco di cittàvedo solo a metà.
Te l'ho detto con calma devi starmi alla larga
quando vedo il programma non toccarmi la gamba 
ho contato tre volte prima di andare a letto 
arrivo a cento mi fermo e ricomincio d'accapo
mi ripeto a memoria tutti i versi di prosa 
dimmi tu c'è qualcosa per curare l'insonnia.
E si che bailando, bailando la notte bailando con te. 
E si che bailando, bailando la notte bailando con te. 
E' una storia che va di notte va è una storia che vola 
è una storia che va di notte va è una storia che
al neon bianco di città vedo solo a metà.
E' una storia che va di notte va è una storia che vola 
è una storia che va di notte va è una storia che 
al neon bianco di città vedo solo a metà
Chiudi

Non c'è più audio

Corriamo un po' le mani son sudate 
e scivola [il volante non parli più] 
le luci in fila illuminano il tuo profilo stanco 
le mani sono immobili i pensieri simili 
non so se andranno via 
le gallerie i fumi densi i buchi neri 
e i tuoi discorsi strani [che hai fatto tu] 
ma che silenzio non sento il motore 
e neanche più l'amore 
son certo che è andato giù 
a rompersi tra le ruote dell'autostrada.
non c'è non c'è più vitalità
qui tra noi due 
non c'è più audio non c'è nessun programma 
su tutte le frequenze in onda su di noi
non c'è non c'è più sole sulle parole afone e pallide 
sei stata l'ultima a dire io ti amo
una volta purtroppo una volta sola.
nell'autogrill ci gira il vento intorno 
urlando consonanti [ma che cosa ho] 
e tempo da matti c'è se giù
il sole sta nascendo lì fermo all'orizzonte che
guarda lontano e non ha paura. 
non c'è non c'è più vitalità
qui tra noi due 
non c'è più audio non c'è nessun programma 
su tutte le frequenze in onda su di noi 
non c'è non c'è più sole sulle parole afone e pallide 
sei stata l'ultima a dire io ti amo 
una volta purtroppo una volta sola.
Chiudi